BIOGRAFIA

Siamo le Distillerie Italiane, band psychedelic prog rock di Bologna attiva da sei anni, con evidenti linee (neo)psichedeliche, immerse in atmosfere di inscindibili sonorità kraut-rock, wave e post-punk.

Tra un'esibizione e l'altra, con nuove idee portate dal nuovo bassista, abbiamo deciso di produrre il nostro primo album - Stato di Grazia, uscito il 2 dicembre 2017 per la Seahorse Recordings.

DISTILLERIE ITALIANE 


Voce e Chitarra: Vincenzo Cassì 

Synth e Cori: Alessandro Battistoni 

ChitarraNicola Pela 

Basso e Cori: Alessandro Facchini 

BatteriaMario Marinaccio

LA NOSTRA MUSICA

Flusso in continua evoluzione, sperimentazione e ricerca di nuovi orizzonti sonori, la nostra musica richiama psichedelici paesaggi impressionisti e decadenti tramonti post-moderni, dipinti dalle imbeccate improvvise dei riff di chitarra e da tappeti synthetici al ritmo di una locomotiva della transiberiana.

PERSUASO

( Singolo )

TRACCE

#1: In fragile Stato 

#2: La solitudine di Cerbero 

#3: Il velo di Grazia  

#4: Persuaso 

#5: Viaggio  

#6: Traffic jam 

#7: Autumn leaves

ESIBIZIONI DAL VIVO

IL VELO DI GRAZIA


TRAFFIC JAM

RECENSIONI


MUSIC MAP 

(https://www.musicmap.it/recdischi/ordinaperr.asp?id=5768)

Le Distillerie Italiane sono una band bolognese che fa della psichedelia il proprio punto di forza: infatti il primo approccio al loro album, pubblicato per Seahorse Recordings, è un vero e proprio trip tra chitarre e synth, che trasporta verso mondi pieni di "cose strane". Il disco in questione, intitolato ''Stato di Grazia'', ad un primo ascolto probabilmente non vi colpirà più di tanto, ma è dal secondo in poi che parte la magia, perché Le Distillerie Italiane sono pura sperimentazione ed anticonformismo musicale, tutto ciò di cui abbiamo davvero bisogno in questo momento nel nostro Paese inquinato da qualsiasi zozzeria musicale. Il sound è prettamente alternative, chitarroso e con testi abbastanza freaks, anche se, a dirla tutta, un pò tutto è abbastanza freaks. Le Distillerie Italiane presentano un disco che difficilmente può essere etichettato o identificato (come loro), e soprattutto mettono in bella mostra un progetto che, in Italia, trova pochi se non pochissimi paragoni. ''Stato di Grazia'' è un piccolo gioiellino della musica italiana, che senza ombra di dubbio deve trovare ancora una maggiore raffinatezza ed una sempre più adatta vestibilità ma, seppur non del tutto perfetto, il disco suona che è una meraviglia. Le Distillerie Italiane sono una band da tenere d'occhio: probabilmente a molti non piaceranno, ma a chi importa dei molti? Veramente? Disco consigliato per gli ascoltatori dall'orecchio fine e pronto. 


MUSICA ITALIANA EMERGENTE

(https://musicaitalianaemergente.it/la-recensione-grazia-lavoro-de-le-distillerie-italiane)

Le Distillerie Italiane approdano con il loro album d'esordio "Stato di Grazia" targato Seahorse Recordings e con loro arriva una bella ventata d'aria fresca nel panorama italiano. Il sound caratterizzato da un prog rock tutto italiano, spazia molto e concentra diverse influenze musicali tra loro, controllo un gran livello di sperimentazione e potenzia. Dinamiche dal sapore vintage (kraut, prog e psichedelia) si fondono in una miscellanea in cui post-punk e wave sono i pilastri portanti. I testi prendono forma da momenti di lirismo psichedelico, ermetico e simbolico, o dalla vita quotidiana imbevuta di esperienze sensoriali in cui la sfera interiore e sociale incontrano una propria dimensione poetico-filosofica. L'album è una vera botta di vita e la sensazione che si può provare ascoltandolo è un vero e proprio viaggio sonoro in cui perdersi e non tornare. 

"Stato di Grazia" potrebbe essere una vera e propria scoperta per l'underground italiano che si ritrova ormai provo di qualsiasi voglia di innovazione e sperimentazione sonora. Un lavoro quello de le Distillerie Italiane che fa ben sperare per quella cerchia di ascoltatori che vanno a ricercare nella novità il vero e proprio segreto della musica.

Non ascoltare le Distillerie Italiane sarebbe un peccato, giudicarli al primo ascolto un sacrilegio, lasciarseli sfuggire senza aprire la propria mente una piccola morte per la curiosità e l'intelletto che oggi come oggi ha bisogno di più pane quotidiano sotto forma di bella musica. Un disco per la nicchia che si spera, prima o poi, diventa la massa per poi scoprire nuove nicchie in un continuo e vorticoso tunnel senza uscita.

"Stato di Grazia" è un album da tenere sempre sotto gli occhi.


SOUNDSGOOD WEBZINE

(https://soundsgoodwebzine.weebly.com/recensioni-flash/distillerie-italiane-stato-di-grazia)

Il nuovo album de Le distillerie italiane s'intitola "Stato di Grazia" ed è il disco d'esordio della band. L'album in uscita il 2 Dicembre per Seahorse contiene sette tracce inedite. Il sound psichedelico s'interfaccia con schemi logici poco probabili che rendono il lavoro molto piacevole alle orecchie di chi sperimenta ed è alla ricerca di nuovi suadenti e continui stimoli. Ogni canzone è una vera e propria tappa di un viaggio in continua evoluzione in cui le barriere sonore cercano in tutti i modi di infrangersi dando vita a qualcosa di nuovo e straordinario. Anticipato dal singolo Persuaso, "Stato di Grazia" è una vera e propria bomba ad orologeria pronta ad esplodere nel panorama dando una nuova connotazione ad un genere musicale che vive di vita propria. I testi prendono forma da momenti di lirismo psichedelico, ermetico e simbolico, o dalla vita quotidiana imbevuta di esperienze sensoriali in cui la sfera interiore e sociale incontrano una propria dimensione poetico-filosofica. Nel complesso il lavoro risulta essere davvero piacevole e resistente alle critiche più aspre di chi si aspetta ancora la solita musica da talent show.


CORNER MUSIC

(https://cornermusiczineblog.wordpress.com/2017/12/04/distillerie-italiane-stato-di-grazia-recensione)

Il disco d'esordio de Le Distillerie Italiane è un vero e proprio tripudio di sperimentazione e sonorità derivanti da una ricerca piena zeppa di passione e senso del gusto.

La band, il cui album intitolato "Stato di grazia" pubblicato da Seahorse Recordings, dimostra come, anche se solamente all'inizio della propria carriera, si riesca a fare della buona musica senza per forza dover cadere in dettagli pop putridi e pieni di stereotipi.

Le Distillerie Italiane ricalcano le orme di band freak italiane e riescono, in un certo senso, a dare un duro scossone all'ambiente con un disco che si preannuncia uno dei dischi più carichi ed alternativi italiani. Il sound dell'album è alquanto originale: dinamiche dal sapore vintage (kraut, prog e psichedelia) si fondono in una miscellanea in cui post-punk e wave sono i pilastri portanti.

Ottimi gli spunti e le premesse per questa band che potenzialmente ha molta strada da percorrere e molto tempo per colmare i propri difetti rendendoli sempre più punti di forza da non sottovalutare. "Stato di Grazia" è una bella sensazione difficilmente replicabile da qualche altra forma sonora. Buon lavoro ed ottima musica per l'esordio delle Distillerie Italiane.

CREDITI


Testi e musiche: Distillerie Italiane  

Registrato, Mixato e Masterizzato: Fausto De Bellis (Black Crow Recording Studio)

Grafiche album: Sonny Alabama 

Label: Seahorse Recordings 

Distribuzione: Audioglobe

Foto: Irene Torre

DISTILLERIE ITALIANE

email: i.distillerie.italiane@gmail.com

SEGUICI SUI NOSTRI CANALI: